INGENUITA’ E/O STUPIDITA’?! - Numero 15

INGENUITA’ E/O STUPIDITA’?! - Numero 15

 

Ci risiamo! Abbiamo nuovamente scoperto l’acqua calda e , meraviglia, la scoperta è stata fatta dalla Commissione Cultura della Camera: i libri di testo di storia sono di parte! Quindi si chiede al governo di vigilare sulla loro obiettività. Ma non facciamo ridere, o piangere a seconda dei punti di vista! Bene ha fatto il ministro Giovanardi a dichiarare la risoluzione "irricevibile". L’opposizione è insorta parlando di "censura" ( Belillo), di "intimidazione molto grave"( Violante), di " misure fasciste" ( Diliberto), era scontato: l’oggetto della polemica è stato servito su un piatto d’oro massiccio. Sappiamo tutti che è vero, sappiamo tutti quanto siano squallidamente faziosi molti libri di storia, e non solo, ma la soluzione non è la loro censura. Alla cultura si risponde con la cultura, alle idee si contrappongono idee. A parole, anche il professore più fazioso dichiara di "insegnare secondo criteri oggettivi, rispettosi della verità storica" e che i testi in adozione sono " di assoluto rigore scientifico" Si è iniziata una battaglia sacrosanta, ma nel modo più ottusamente sbagliato che si potesse immaginare. A proposito chi sono quelle aquile che hanno votato questa risoluzione? Immagino che l’ineffabile on. Fabio Garagnani non sia stato il solo. Condivido quanto affermato dall’on. La Russa che " l’importante è non negare che il problema esiste", ma occorre chiedersi perché si è giunti a questo e, soprattutto, che cosa fare in concreto invece di sollevare inutili e dannosi polveroni. Purtroppo per 50 anni una classe politica insipiente e poco lungimirante ha consegnato la cultura, quindi la scuola e l’editoria quasi interamente nelle mani della sinistra. La colpa però non è di chi, seguendo con intelligenza e sagacia gli insegnamenti di Gramsci, ha okkupato quegli spazi che erano liberi. La colpa è di chi non ha saputo andare al di là del presente, di chi ha sottovalutato il valore e l’importanza della scuola e della cultura e, colpevolmente cieco, ha creduto che tutto avesse un prezzo e che tutto si sarebbe comperato. Quella classe politica è stata in parte spazzata via, in parte si è riciclata, si è fatta il lifting, ha cambiato il pelo senza però riuscire a perdere il vizio. La cosa più preoccupante è però che la nuova classe politica di centro-destra non mi pare proprio che abbia capito la lezione, anzi sotto certi aspetti è , tolte alcune lodevoli eccezioni, peggio di prima. Suscita polveroni, ma non investe concretamente in cultura. Non basta pubblicare qualche libro ogni tanto o uscire con qualche exploit, occorre un lavoro di costruzione, occorre puntare sulle persone culturalmente qualificate che veicolino ai giovani e ai meno giovani idee diverse. Persone che sappiano denunciare i colpevoli silenzi, persone che con rigore e onestà intellettuale abbiano il coraggio e la forza di fare cultura alternativa, alternativa al conformismo e alla malafede imperanti. Queste persone vanno però messe concretamente nelle condizioni di operare: non si tratta di inventare chissà quali strategie, basta guardare che cosa ha fatto e continua a fare la sinistra. Don Chisciotte non è un eroe, e non bastano, forse anzi non servono proprio alcuni Don Chisciotte sparsi qua e là a combattere solitarie battaglie. Occorre creare strutture, formare persone e dare a chi ha voglia, entusiasmo, desiderio e,conditio sine qua non, competenza, i mezzi per poter lavorare. I risultati non saranno immediati, è un investimento a lungo termine, i bilanci di queste imprese saranno per qualche tempo in perdita, ma i risultati pagheranno ampiamente. C’è qualcuno in grado di vedere al di là del proprio utile immediato? C’è qualcuno che ha l’intelligenza per capire l’importanza della cultura, c’è qualcuno che ha a cuore davvero le sorti dei nostri giovani? Se c’è si faccia avanti, si dia una mossa perché il tempo sta scadendo.

Pierangela Bianco

Share this article

Chi è Barbarossa?

L'ombra di Federico I di Hohenstaufen, il Barbarossa, appunto, si aggira tra le nostre contrade , da quando a Legnano venne sconfitto dalle truppe dei Comuni alleatisi nella Lega lombarda. L'imperatore aveva cercato di difendere le sue terre da quei Comuni che volevano la libertà, aveva cercato di tenere saldo l'Impero, ma non poteva andare contro la storia. Aveva accarezzato il lungo sogno di restaurare il... Continua >>

Ultime Notizie