Il martire che non c’e’: il film sul giovane Carlo Giuliani. - Numero 11

Il martire che non c’e’: il film sul giovane Carlo Giuliani. - Numero 11

IL MARTIRE CHE NON C’E’:
IL FILM SUL GIOVANE CARLO GIULIANI.


Sembra un secolo ormai lontano ma solo un misero anno è passato dai fatti di Genova e del G8 e tutto sembra essere dimenticato nonostante ogni tanto le lettere esplosive facciano la loro ennesima comparsa a firma di questa o quella pseudo organizzazione neo- terroristica. I No Global sembrano rientrati nei loro Soviet del pensiero falsamente liberal- ecologista, i muri imbrattati sono stati ridipinti, il Ministro Scajola si è politicamente suicidato e i Mc Donald ( purtroppo) funzionano sempre e meglio di prima: solo il cinema, in base al famoso assioma "Lo spettacolo deve continuare" non ha dimenticato quel giovane Punkabbestia che perse la vita durante l’assalto ad una camionetta dei Carabinieri con intenzioni non del tutto pacifiche e infatti nelle sale di qualche rassegna si potrà valutare un film che sembra l’operazione cinica di qualche nostalgico di quegli anni "formidabili" che furono quelli di piombo. Non vorrei fare ironia su un ragazzo di poco più di vent’anni che ci ha lasciato la pelle in termini e modi così assurdi ma forse è l’unica alternativa al dramma della strumentalizzazione della vicenda che ha visto Carlo Giuliani presunto "martire" dell’ala estremista dei No Global da santificare e, anche dopo morto, gettare in pasto alle Sinistre che di eroi negativi hanno sempre disperato bisogno. Da qui alle dichiarazioni minacciose della "Brigata Neo Partigiana Carlo Giuliani", alle scritte sui muri, alle dediche tra campeggi e cannabis al film il passo è breve. Bella l’idea di realizzare un evento cinematografico che tratta della vita del "Giovane Carlo Giuliani" che sicuramente non andrò a vedere e questo non perché odi il grande schermo o non mi interessino determinate recenti vicende che mi hanno visto comunque presente ( della serie " Al G8 c’ero anch’io ma da ogni parte e non solo da e per una ") ma sorge spontanea una domanda differente: perché probabilmente nessuno farà mai un film su Marco Biagi o sul giovane Carabiniere che si è trovato costretto a sparare per difendere la propria vita? Perché nessuno proporrà mai una pellicola sui Martiri di Acca Larentia o sui fratelli Mattei? Perché non vedremo locandine su Sergio Ramelli (un Martire e un giovane davvero alternativo, questa volta) se non quelle, comunque destinate a coloro che nei giovani di Destra ricordano, della struggente rappresentazione teatrale? Il sangue è, o dovrebbe essere, dello stesso colore per tutti ma la Sinistra di ieri e di oggi difficilmente potrà essere in sintonia con questo pensiero: figuriamoci gli anacronistici fuori tempo massimo di Rifondazione o i Talebani dei CARC e compagni(a) bella. Eppure la Storia insegna che i massimi criminali del secolo passato, Hitler e Stalin, furono tra i massimi propagandisti dei propri rispettivi mondi: da Eisenstein a Goebbels il cinema fu strumento del regime e veicolo di convincimento, regolatore di impulsi malsani, focalizzatore di odi e feroce atto di fede. Il Nazionalsocialismo, per fortuna, sopravvisse molto meno dei previsti "Mille anni" ma, purtroppo per l’Umanità, il Comunismo per mezzo secolo si impegnò a gettare nei forni della propria ideologia malsana la vita e le menti di milioni di persone. Di altri ne fecero concime, proprio come i loro "colleghi" con la svastica, ma a tutt’oggi nonostante il fallimento totale della distopia rossa, sono ancora molti i retaggi che evidenziano le lezioni sulla propaganda e la manipolazione dei giovani che ancora sono parte integrante delle manovre palesi ed occulte della politica di mezzo mondo. Italia compresa. Cosa si vuole sapere su questo ragazzo che si sia ormai gettato in pasto a molti giovani annoiati e viziati e a ben altri personaggi di parecchio più cinici e furbetti, desiderosi di trovare un senso ad una vita per cui combattere non ha più valore? Cosa aveva di davvero speciale questo giovanissimo Punkabbestia che lo differenziava da quei figli di papà che, per ripicca e per avere almeno un brivido in più, frequentano i Centri Sociali anarco-comunisti (?) con una povera bestia al fianco, che chiedono l’elemosina a fianco dei Mc Donald, che coperti da costosissimi stracci, costosissimi piercing, costosissimi tatuaggi nel loro costosissimo convincimento che per essere "veri" alternativi occorre seguire regole precise, precise gerarchie, precisi punti di riferimento, precisi tipi di droghe, precisi capi. Una volta ho letto in un Centro Sociale, perché prima di giudicare occorre conoscere in prima persona, una frase che diceva "Muori per la Patria, muori per niente": forse è vero ma allora per cosa è morto Carlo Giuliani? Per cosa sarebbero morti quei giovanissimi Carabinieri che, disperati e terrorizzati, si sono trovati costretti a scegliere tra il morire o l’ uccidere? La risposta, questa volta vera e reale, è la stessa: per niente. I Giuliani non volevano uccidere o ferire per un ideale, nemmeno per una passione o persino per un momento di follia decretato da qualche motivazione: lo facevano e lo fanno semplicemente per scaricare semplici impulsi che con la politica nulla hanno a che vedere. E lo sapete che fine fanno i Giuliani dopo le loro avventure nei bassifondi di lusso (mica fanno gli operai in fonderia, i signorini che combattono per una classe che non rappresentano), dopo che anche questo genere di eventi danno loro noia? O si immergono ancora di più negli abissi dell’autodistruzione ( fino alla "roba" e alla tomba propria e altrui) oppure ce li ritroviamo riscattati dai "giri" paterni o materni tutti bellini e ripuliti, macchinone di lusso chiavi in mano, la ragazza giusta, un buon lavoro. E se gli chiedi, come venne chiesto al processo ritardatario agli assassini di Sergio Ramelli, il perché di questo cambiamento, loro ti rispondono " Beh, sa, ero giovane ed ero un po’ scavezzacollo. Ma poi si cresce, si cambia. E poi non mi dica che anche lei ai suoi tempi.".
Eh no, cari miei.
No, Giuliani.
Il film che gli hanno dedicato è un’opera di propaganda a lunga scadenza, un qualcosa che possa in qualche modo sostituire l’invecchiata figura di Fidel, l’immagine ormai commercializzata del Che che non ne può più di vedersi stampato su t-shirt come fosse l’icona di un qualche santo o il testimonial di un detersivo; è il disperato esempio di come anche la morte di "uno dei nostri, un compagno che ha sbagliato" possa essere un lercio sistema per accaparrarsi i voti dei giovani di oggi, degli adulti di domani. Ma stavolta il padre di Giuliani, forse il maggior responsabile della sua drammatica vicenda umana, spero trovi il coraggio di guardare dentro di sé per cercare davvero di capire come si possa morire per il sogno malsano di altri.
Spero, in ogni caso, che facciano un giorno un film sul giovane Carabiniere che ha sparato o chi per lui: quello, di certo, meriterebbe di essere visto.

Fabrizio Bucciarelli

Share this article

Chi è Barbarossa?

L'ombra di Federico I di Hohenstaufen, il Barbarossa, appunto, si aggira tra le nostre contrade , da quando a Legnano venne sconfitto dalle truppe dei Comuni alleatisi nella Lega lombarda. L'imperatore aveva cercato di difendere le sue terre da quei Comuni che volevano la libertà, aveva cercato di tenere saldo l'Impero, ma non poteva andare contro la storia. Aveva accarezzato il lungo sogno di restaurare il... Continua >>

Ultime Notizie