Print this page
Di nuovo? Sì, di nuovo - Numero 56

Di nuovo? Sì, di nuovo - Numero 56

Dopo parecchi mesi di silenzio, ritorna il Barbarossaonline. Un ritorno come ce ne sono stati altri in questi anni, perché motivi tecnici hanno più di una volta dilazionato le pubblicazioni. Il Barbarossa non è più lo stesso di prima. Ha cambiato grafica, impostazione degli argomenti ed anche lo sguardo sulle vicende di casa nostra assume un’ottica diversa.  Molta acqua è passata sotto i ponti dalla prima pubblicazione: era il 22 gennaio del 2001. Sono passati 15 anni. Nella presentazione del giornale si diceva:

L'ombra di Federico I di Hohenstaufen, il Barbarossa, appunto, si aggira tra le nostre contrade , da quando a Legnano venne sconfitto dalle truppe dei Comuni alleatisi nella Lega lombarda. L'imperatore aveva cercato di difendere le sue terre da quei Comuni che volevano la libertà, aveva cercato di tenere saldo l'Impero, ma non poteva andare contro la storia. Aveva accarezzato il lungo sogno di restaurare il Sacro Romano Impero, aveva compiuto sei discese in Italia, aveva incendiato Asti e Chieri, raso al suolo Crema e Milano, ma la sconfitta di Legnano e la successiva pace di Costanza gli avevano fatto capire che quel sogno era ormai irrealizzabile. Dopo la sconfitta di Legnano l'imperatore, però, si riconciliò con il papa Alessandro III, alleato dei Comuni, ed andò a morire nel corso della III Crociata, annegando nel fiume Salef: era il 1190,aveva 69 anni. Il Barbarossa diventa quindi il simbolo della conciliazione, di chi accetta la sconfitta, capisce la storia, il suo tempo, va avanti e non guarda nostalgicamente ad un passato che non può più ripresentarsi. E questo è il Barbarossa al quale guardiamo.

Lo spirito di queste pagine resta lo stesso: capire la storia, il proprio tempo e guardare avanti. Resta un periodico di “Destra”, sì proprio di Destra, con la “D” maiuscola, a denotarla come categoria metastorica, ormai superata nelle divisioni partitiche, ormai  trasversale nella politica italiana. Cos’è oggi la Destra? Esiste una Destra? Ha senso ancora una Destra? Chi rappresenta la Destra? Sono quesiti che ci poniamo da anni, dopo la caduta di schemi che imperavano da decenni. E questo vale anche per la sinistra.

Il nostro periodico, quindi, rinasce e riprende le pubblicazioni partendo da questo dato, assodato ormai da tempo ma che oggi può ancora servire per fare chiarezze, per capire da che parte si sta, quali prospettive abbiamo per il futuro, che mondo vogliamo.

I tanti problemi che quotidianamente si affacciano alla vita di tutti esigono delle risposte. Non si può sempre dilazionare, spingere avanti, rinviare. I nodi vanno sciolti, con forza, con coraggio. E per coraggio intendiamo anche quello di fare scelte diverse rispetto al passato, trovare nuovi compagni di viaggio,  prospettare linee diverse per il nostro futuro.

E’ quanto incominceremo a fare da questo numero e dalle prossime pagine.

Antonio F. Vinci

 

 

 

CHI E' BARBAROSSA?
 
Un giornale telematico? Non pretendiamo tanto, ma uno spazio, questo sì, alternativo, di Destra, di una Destra moderna, europea, democratica, che non rinnega aprioristicamente il passato ma che non ripropone nostalgie rinchiuse nel libro della Storia; una Destra di governo ma che non si svende per il potere fine a se stesso; una Destra che vuole ribadire la sua identità, ma senza alzare steccati e che non vuole appiattirsi in una melassa in cui tutti possano trovare posto. Per questo Barbarossaonline non è legato a nessun partito, anche se vi scrivono uomini e donne di Alleanza Nazionale. Non rappresenta nessuno, né dietro di essa c'è nessun notabile : è uno spazio libero. Barbarossaonline vuole essere un luogo di incontro, di discussione, di informazione della Destra dell'Altomilanese, dell'asse del Sempione ma con un occhio di riguardo alla città della vittoria di Alberto da Giussano. E d'altra parte Legnano, nel suo piccolo, sta diventando sempre più metafora di un'Italia che cambia: un processo di reindustrializzazione in atto, un centro storico che muterà profondamente cambiandone la fisionomia, un'attenzione particolare al mondo dell'edilizia scolastica che creerà uno dei più bei campus d'Europa, una problematica riguardante l'inserimento del mondo degli extracomunitari sempre più viva, una presenza dinamica del volontariato. Questa è la Legnano di oggi, ma è anche la situazione un po' di tutto l'Altomilanese.
Ci troveremo qui all'inizio e alla metà di ogni mese, per scambiarci opinioni, notizie, riflessioni su quest'Italia che cambia, ma molte volte senza la sufficiente attenzione da parte nostra.

Share this article