Letture - Numero 42

Letture - Numero 42

 

"Cantano commossi "salva l’Italia del duce sempre nell’ora di nostra bella morte". Partecipano alla messa in latino officiata dal sacerdote lefebvriano Emanuel Duchalard. E ricordano i 137 caduti della guardia nazionale repubblichina - più gli altri delle Brigate Nere, della Ettore Muti, delle Ss italiane - con il saluto romano. Tende il braccio anche Umberto Maerna, segretario cittadino di Alleanza nazionale - "lo scriva pure" - ma tra i duecento nostalgici del Ventennio che piangono i loro morti al cimitero Maggiore, la presenza degli esponenti di An suscita molti brusii". (La repubblica, 2 novembre 2007).

"Fiuggi è stato un errore gravissimo, una tragedia per il popolo missino che Giorgio non avrebbe mai permesso. Io non ho mai appoggiato An, mi hanno fatto molto male: hanno cambiato il partito da soli, perché la gente piangeva e se ne andava. Ora sono felice per Francesco, merita questo successo" ( Assunta Almirante all’Assemblea costituente de La Destra, Corriere della sera, 12 novembre 2007).

"Non si fa così. I colpi di testa in politica sono forieri di sconfitte devastanti. E’ il ragionamento che conta. E il confronto con gli avversari, per quanto screditati possano essere. Dopotutto i partiti politici sono strumenti per raggiungere uno scopo: ci vogliamo mettere al primo posto l’ affermazione de "bene comune"? Nel caso del nuovo partito berlusconiano non riusciamo a scorgere neppure la difesa del bene di quella parte degli italiani che negli ultimi tredici anni l’ ha votato con fedeltà. Cosa penseranno di Forza Italia azzerata in pochi minuti e condannata a confluire in qualcosa che non c’è?" (Gennaro Malgieri, Libero, 20 novembre 2007).

"Se la crisi è cominciata per la gnocca, non sta scritto da nessuna parte che qualcun altro ci debba rimettere anche il sedere, con licenza parlando" (Gianluigi Paragone, Libero, 22 novembre 2007).

Share this article

Chi è Barbarossa?

L'ombra di Federico I di Hohenstaufen, il Barbarossa, appunto, si aggira tra le nostre contrade , da quando a Legnano venne sconfitto dalle truppe dei Comuni alleatisi nella Lega lombarda. L'imperatore aveva cercato di difendere le sue terre da quei Comuni che volevano la libertà, aveva cercato di tenere saldo l'Impero, ma non poteva andare contro la storia. Aveva accarezzato il lungo sogno di restaurare il... Continua >>

Ultime Notizie