E’ morto Pasquale Bandiera. - Numero 10

E’ morto Pasquale Bandiera. - Numero 10

E’ morto Pasquale Bandiera.

Ci sono persone che, pur non essendoti particolarmente vicine dal punto di vista politico o ideologico, condividono o hanno condiviso battaglie, ideali, concezioni di vita. Un passato che li ha visti su sponde diverse o antitetiche alle tue non ha ostacolato un cammino comune, un tratto significativo della tua esistenza. Così è stato per Pasquale Bandiera. L’ho conosciuto pochi anni fa, ma la sua tempra di repubblicano storico, passato attraverso mille esperienze, la sua tempra di combattente per la Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo, mi è stato d’esempio come se lo avessi conosciuto da tantissimo. Bandiera era animato, questo "giovanotto" di 78 anni, da un dinamismo, una voglia di fare, da patriota risorgimentale. Nonostante la non più giovane età era sempre in giro per il mondo e per l’Italia ad organizzare convegni, a presenziare a riunioni, a costituire comitati, per difendere gli oppressi, gli ultimi della terra, i diseredati, gli esuli politici. Uno dei suoi crucci era che Milano e la sua provincia non decollassero nella costituzione di un Comitato operativo per la Lega dei Diritti dell’Uomo ed aveva affidato proprio a me questo compito verso la fine dello scorso anno. Pur conoscendo le mie idee, mi aveva affidato l’incarico, consapevole che la difesa dell’Uomo, della sua dignità, non può conoscere barriere ideologiche. Non mi ha fatto gli esami Pasquale Bandiera, non ha contato i globuli democratici del mio sangue : ha dato una lezione di tolleranza e di autentica democrazia molto più pratica e realistica dei tanti Soloni sputasentenze che si aggirano nell’universo mondo. Per ricostruirne la figura riportiamo il ricordo che il sito della FIDH , http://www.fidhlegaitaliana.org, gli ha dedicato.

Antonio F. Vinci


3.5.2002 - E’ scomparso il 3.5.2002 il Presidente della Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo On. Pasquale Bandiera di anni 78, nato il 14.2.1924 a Siracusa, Laureato in scienze politiche è stato il Presidente della Lega Italiana per i Diritti dell’Uomo, Sezione Italiana della Federazione Internazionale delle Leghe dei Diritti dell’Uomo, ONG delle nazioni Unite e del Consiglio d’Europa di cui è stato anche il Vicepresidente internazionale. L’On. Bandiera ha rappresentato la FIDH nelle Commissioni delle Nazioni Unite. Egli è anche stato Presidente del Centro Studi e Ricerche Parlamento. Giornalista professionista è stato direttore delle riviste "Parlamento", mensile di vita politica e parlamentare e del mensile "Le Nuove Libertà" Organo di stampa della lega italiana dei Diritti dell’Uomo. Egli è stato anche Presidente della struttura editoriale "Parlamento Multimedia", è stato direttore dei quotidiani "La Regione Siciliana" e "La voce Repubblicana". E’ stato anche Presidente dell’Associazione dei Giornalisti Europei e presidente dell’Associazione Nazionale Volontari e Reduci Garibaldini, l’organizzazione dei reduci della divisione partigiana italiana Garibaldi, che ha combattuto in Yugoslavia. Deputato in quattro legislature con il Partito Repubblicano è stato per due legislature Presidente della Giunta per le Autorizzazioni a procedere della Camera dei Deputati e quindi membro del Governo come sottosegretario alla difesa. Esperto di problemi Internazionali è stato consulente dell’Assemblea Parlamentare della Nato e membro delle maggiori Istituzioni Internazionali di politica estera e della difesa. Parlamentare in quattro legislature, Sottosegretario di Stato. I funerali nella Chiesa S. Maria in Portico di Piazza Campitelli Roma si sono svolti il 6.5.2002 con picchetto d’onore del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi e con la corona del Presidente della Camera Casini alla presenza dei membri del Comitato Centrale della Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo e delle Commissioni.

La Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo - FIDH è ora rappresentata ufficialmente secondo statuto dal Vicepresidente On. Alfredo Arpaia. Le commissioni della Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo - FIDH sono coordinate dall’Avvocato Gianmarco Cesari.

Share this article

Chi è Barbarossa?

L'ombra di Federico I di Hohenstaufen, il Barbarossa, appunto, si aggira tra le nostre contrade , da quando a Legnano venne sconfitto dalle truppe dei Comuni alleatisi nella Lega lombarda. L'imperatore aveva cercato di difendere le sue terre da quei Comuni che volevano la libertà, aveva cercato di tenere saldo l'Impero, ma non poteva andare contro la storia. Aveva accarezzato il lungo sogno di restaurare il... Continua >>

Ultime Notizie