Introduzione alla net-politica - Numero 28

Introduzione alla net-politica - Numero 28

INTRODUZIONE ALLA NET-POLITICA

Di seguito viene riportato il decimo appuntamento dell’Introduzione alla Net-Politica.

  • Intranet, mailing list, newsletter e forum
    Coordinare gli sforzi delle numerose realta’ locali e’ essenziale per un partito. Anche nel caso dei siti web e’ fondamentale far si’ che oltre al sito centrale, tutti i siti geograficamente legati a determinati territori, risultino all’occhio attento degli utenti come efficienti ed omogenei all’immagine del partito che rappresentano. In tal senso nel sito centrale dovrebbe avere spazio una Intranet, una rete interna a cui possano accedere solo persone accreditate tramite password. L’obiettivo di questo strumento e’ la creazione di un luogo, riservato agli "addetti ai lavori", dove poter far reperire tutti quei contenuti utili alla crescita di siti ed attivita’ locali conformi a linee guida dettate a livello centrale. Facendo degli esempi, nella Intranet, sara’ possibile trovare dalla carta intestata alla circolare del direttivo centrale, dalle fotografie delle manifestazioni alle immagini dei manifesti o volantini, dai contenuti riservati sulle future attivita’ previste alle indicazioni sulle modalita’ del tesseramento, dall’organigramma ai numeri di telefono degli interni della sede nazionale, ecc ecc. La Intranet e’ una sorta di sito web concepito per essere rivolto a persone interne al partito. Si tratta di un luogo fondamentale per rendere immediatamente accessibili contenuti importanti per tutti i referenti distribuiti sul territorio nazionale. Una seconda fase della Intranet e’ quella di poter predisporre al suo interno (ovvero dopo che l’utente si e’ autenticato tramite password) degli spazi di confronto. Tutto cio’ che si puo’ fare per creare una comunita’ online puo’ essere predisposto e studiato per coordinare e rendere sempre piu’ preparata la struttura gia’ attualmente impegnata attivamente. L’aggregazione verso l’esterno del partito che la net-politica vede come sua ultima fase va preparata prima con un consolidamento di chi gia’ lavora all’interno. Ma non ci sono confini sull’utilita’ di avere spazi di confronto riservati a determinate persone. Pensiamo, ad esempio, ad una rete che colleghi tutti i consiglieri comunali di un certo partito. Potrebbero scambiarsi informazioni sulle attivita’ svolte, coordinare una battaglia amministrativa su cui procedere contemporaneamente, organizzare spazi informativi per aggiornarsi a vicenda sulle leggi che li riguardano, e cosi’ via. Stesso discorso puo’ essere svolto per gli informatici che curano i siti delle sedi locali. Tramite una Intranet potrebbero aiutarsi per produrre progetti web qualitativamente migliori, scambiarsi contenuti e immagini, promuovere favori reciproci al fine di essere sempre piu’ visibili online e di conseguenza ricevere la visita di un numero maggiore di utenti. Come gia’ detto… non ci sono confini sull’utilita’ di avere spazi di confronto riservati a determinate persone. Ogni categoria, gruppo di professionisti, rappresentanza politica con determinate funzioni potrebbe trarre vantaggio dall’avere un luogo di confronto riservato e lontano dall’occhio indiscreto di esterni. Altri strumenti molto utili, sia internamente ad una Intranet che integrati direttamente nel sito centrale per la costruzione di una comunita’ online, sono la mailing list, la newsletter e il forum. La mailing list e’ uno strumento che collega le caselle di posta elettronica di persone unite da un qualche interesse. Chiunque degli iscritti a questa mailing list potra’ scrivere un’email a tutti gli altri membri senza perder tempo nel trascrivere i loro indirizzi. La mailing list avra’ infatti un indirizzo dal quale, grazie a determinati programmi, la posta ricevuta verra’ smistata a tutti gli iscritti. Il vantaggio e’ enorme a livello di tempo. Se si desiderera’ inviare una email a cento persone con un interesse specifico non sara’ piu’ necessario trascrivere tutti gli indirizzi ma sara’ sufficiente inviare l’email alla mailing list. E se un giorno altre persone vorranno iscriversi al gruppo non sara’ necessario far aggiornare la rubrica a tutti i membri bensi’ registrarsi nella mailing list che automaticamente si preoccupera’ di recapitare i messaggi. La newsletter e’ un parente stretto della mailing list. L’unica differenza e’ che solo una persona puo’ inviare i messaggi. Volendo fare un esempio si puo’ pensare all’invio di circolari via email. Centinaia di persone devono riceverle ma e’ solo uno che avra’ l’autorizzazione ad inviarle. La newsletter e’ quindi uno strumento informativo molto comodo ma si distingue dalla mailing list per l’assenza di un confronto reale tra i membri iscritti. Il forum e’ invece uno strumento molto differente. Non si sviluppa tramite posta elettronica ma direttamente via web ed e’ quindi necessario collegarsi ad una pagina di un sito per accedervi. Per forum si intende abitualmente una bacheca virtuale, uno spazio dove tutti possono scrivere messaggi che verranno letti solo da altre persone che visiteranno quel luogo virtuale. Poco importa quali strumenti si usano, l’importante e’ pero’ riuscire nell’intento: creare un confronto.

a cura di:
Vito Andrea Vinci

conosciuto in rete come Vav
Fondatore e Coordinatore della principale mailing list nazionale dedicata al mondo della destra che da cinque anni riunisce e fa confrontare centinaia di militanti e simpatizzanti in un dibattito quotidiano.

Per iscriversi: azionegiovani-tribe-subscribe@yahoogroups.com



Leggi la nona parte dell’Introduzione alla Net-Politica
Leggi la ottava parte dell’Introduzione alla Net-Politica
Leggi la settima parte dell’Introduzione alla Net-Politica
Leggi la sesta parte dell’Introduzione alla Net-Politica
Leggi la quinta parte dell’Introduzione alla Net-Politica
Leggi la quarta parte dell’Introduzione alla Net-Politica
Leggi la terza parte dell’Introduzione alla Net-Politica
Leggi la seconda parte dell’Introduzione alla Net-Politica
Leggi la prima parte dell’Introduzione alla Net-Politica


Share this article

Chi è Barbarossa?

L'ombra di Federico I di Hohenstaufen, il Barbarossa, appunto, si aggira tra le nostre contrade , da quando a Legnano venne sconfitto dalle truppe dei Comuni alleatisi nella Lega lombarda. L'imperatore aveva cercato di difendere le sue terre da quei Comuni che volevano la libertà, aveva cercato di tenere saldo l'Impero, ma non poteva andare contro la storia. Aveva accarezzato il lungo sogno di restaurare il... Continua >>

Ultime Notizie