Print this page
Silvia Ferretto  - Numero 18

Silvia Ferretto - Numero 18

D: Silvia Ferretto e’ una delle piu’ combattive donne di AN, da sempre. Eletta al Consiglio regionale della Lombardia, molte sono le battaglie che ha affrontato facendosene portavoce in quella sede; fra le ultime quella relativa al finanziamento dei Centri giovanili che chiaramente si dissocino dalle violenze, riprendendo un disegno di legge regionale da lei presentato nel novembre 2000 e mai discusso. A che punto è questo progetto di legge?

R: Il progetto purtroppo non è ancora stato discusso ma spero che ciò possa avvenire quanto prima. Nel frattempo ho realizzato un dossier sui vent’anni di violenze del Leoncavallo contro le forze dell’ordine, gli esponenti politici, i sindacati e in generale contro Milano, i suoi cittadini e le loro proprietà. Un dossier ha l’obiettivo di far riflettere tutti coloro che ancora oggi sostengono che i cosiddetti ragazzi del Leoncavallo hanno diritto ad avere in questa città spazi sociali da autogestire. Un dossier per rinfrescare la memoria a tutti coloro che, a differenza di tanti militanti di destra, non portano sulla propria pelle i segni delle loro lezioni di "democrazia".

D: Forse il risultato piu’ eclatante e’ stato quello condotto contro Adel Smith, Presidente dell’Unione Musulmani d’Italia, per lo scioglimento del partito da lui fondato. Qualche mese fa le firme raccolte erano ben 65.000 e la campagna sarebbe proseguita sino al raggiungimento delle 100.000 adesioni. A che punto siamo? Ci sono nuovi risvolti della situazione?

D: Le firme raccolte sono in effetti ormai quasi 100.000. Un enorme successo, davvero. Sulla questione qualche mese fa ho presentato anche un esposto alla Procura della Repubblica affinché si indaghi su Adel Smith, per violazione degli art. 403 e 404 del Codice Penale e della legge Mancino. Smith infatti oltre ad aver più volte pubblicamente offeso la religione cattolica, mediante vilipendio a cose sacre e a persone che la professano e la rappresentano istiga pericolosamente all’odio e allo scontro religioso

D: Entrando nel sito www.ferretto.it si e’ colpiti dalla grande quantita’ di interventi, ordini del giorno, progetti, petizioni -quasi quotidiani- cui da’ vita. Non teme che si possa correre il rischio di una sovraesposizione o, peggio, di cadere nell’accusa di protagonismo?

D: No, svolgo il mio lavoro nell’interesse del partito e dei cittadini; d’altra parte mi pare sia per questo che sono stata eletta e non certo per scaldare la sedia o schiacciare bottoni, o no? Nel mio sito rendo quotidianamente conto ai cittadini del mio operato, nella massima trasparenza.

D: E giungiamo alla faccenda piu’ spinosa. In questi mesi sulla stampa si e’ parlato ampiamente della sua rimozione da Presidente della Commissione cultura della Regione Lombardia. Ovviamente la faccenda non e’ stata tranquillamente accettata da lei, anzi... La sua "riduzione" al ruolo di "semplice" consigliere regionale e’ stata vissuta come un affronto da lei; ci sono state polemiche piuttosto dure con il Presidente del Gruppo consiliare di AN, Romano La Russa. Ora sembra che la buriana sia passata, ma ci sono ancora voci che la vorrebbero dissidente, o addirittura dimissionaria, dal partito. Qual e’ la sua posizione oggi?

R: L’unica mia colpa è quella di aver criticato Romano La Russa, il quale non ha digerito l’affronto e mi ha espulsa dal gruppo regionale, violando in modo palese lo Statuto del Partito che prevede che solo il Presidente Nazionale possa prendere misure disciplinari nei confronti dei membri dell’Assemblea Nazionale, quale io sono. Attualmente dunque, per quanto fuori dal gruppo regionale, resto a tutti gli effetti componente dell’Assemblea Nazionale di AN. Io sono e resto di Alleanza Nazionale. Credo nelle nostre idee e pertanto non posso che far politica in nome e per conto del Partito al quale mi onoro di appartenere da più di 20 anni. Nessuno potrà mai obbligarmi a tradire i 9103 elettori di AN che mi hanno votata.

D: Le donne in AN vogliono contare sempre di piu’. Anche nella Festa Tricolore di Milano c’e’ stata una precisa volonta’ femminile di guadagnare spazio, visibilita’, e, perche’ no, potere. In un partito "maschilista" quale spazio c’e’ ancora oggi per le donne che fanno politica?

R: Non è questione di potere o di quote. In AN le donne non hanno mai avuto problemi di questo tipo. Si sono rimboccate le maniche e si sono date da fare. Semmai il problema è che sono necessarie, per tutti, uomini e donne, regole chiare che vengano da tutti rispettate.

D : Le ultime elezioni non sono andate bene per AN, e non parliamo solo di Roma. Che succede?

R: Oggi più che mai rischiamo di perdere la nostra identità e la nostra diversità. Occorre tener sempre ben presente che governare deve essere un mezzo per far vincere le idee, non un fine. Qualcuno invece purtroppo a volte lo dimentica, confondendo pericolosamente i fini con i mezzi.

Share this article