LE GUERRE DI CAMORRA - Numero 28

LE GUERRE DI CAMORRA - Numero 28

 

Le guerre di camorra che insanguinano Napoli stanno vendicando la memoria di Achille Lauro, il famoso - ed infamato - sindaco di Napoli. Ricco armatore, uomo intraprendente, coraggioso, monarchico fino al midollo, amato visceralmente dal popolino dei bassi, egli fece tanto per la sua città. Ma fu odiato e denigrato dai "progressisti" di tutte le salse. E finì che Lauro perse le elezioni e perse infine anche la flotta, e per Napoli naufragò un sogno di riscatto.

Da Lauro in poi, le classi politiche illuminate e stuoli di professoroni attribuiscono tutti i mali di Napoli a lui, il "Comandante", il re Mida borbonico di Napoli che, secondo la vulgata, prima delle elezioni, per assicurarsi il voto, dava pacchi di pasta ed una sola scarpa, promettendo l’altra per il dopo-elezioni. "La colpa è di Lauro e dei suoi metodi borbonici", è stato da allora la condanna senza appello. Lauro, laurismo: sono parole che suscitano l’esecrazione tra l’esercito dei professionisti dell’ideologia ed i patiti della disquisizione bizantina, così numerosi a Napoli e sempre pronti a risolvere a tavolino, anche retroattivamente eliminando Achille Lauro, tutti i problemi del Mezzogiorno e della sua storica capitale. Accanto al mito nero mai tramontato di Lauro, sindaco "borbonico", da anni risplende il mito luminoso di Bassolino, sindaco "progressista", che, secondo la leggenda, sarebbe riuscito a fare di Napoli una città pulita, funzionale, vivibilissima. E il caos, l’arbitrio, lo sfacelo che le guerre di camorra fanno intravedere? La verità è che tutto è peggiorato nell’ex perla del Mediterraneo, o se vogliamo nell’ex feudo laurino. A Napoli oggi trionfa l’abusivismo più sfrenato, e la colpa non è certo di Achille Lauro. Anzi, dopo il regno dell’ "ultimo re di Napoli" - come lo chiamò Montanelli - il degrado e l’abusivismo hanno conosciuto un salto di qualità. Oggi anche le forze dell’ordine sono abusive: le forze dell’ordine camorrista, l’unico ordine che incuta rispetto nella città orfana del "Comandante".

Claudio Antonelli (Canada)

Share this article

Chi è Barbarossa?

L'ombra di Federico I di Hohenstaufen, il Barbarossa, appunto, si aggira tra le nostre contrade , da quando a Legnano venne sconfitto dalle truppe dei Comuni alleatisi nella Lega lombarda. L'imperatore aveva cercato di difendere le sue terre da quei Comuni che volevano la libertà, aveva cercato di tenere saldo l'Impero, ma non poteva andare contro la storia. Aveva accarezzato il lungo sogno di restaurare il... Continua >>

Ultime Notizie